Tabacalera: una tappa da non perdere a Madrid

Un posto davvero speciale e fuori dai canoni da visitare e “vivere” a Madrid è la Tabacalera: uno spazio autogestito dove vengono realizzate attività culturali e mostre itineranti.

Storia della Tabacalera

L’edificio che ospita la Tabacalera a Madrid fu ultimato nel XVIII secolo, due anni dopo la morte di Carlo III, che aveva progettato la sua nascita. L’esigenza di costruire questo palazzo nacque dal bisogno di dare uno spazio ai prodotti che il monopolio di Stato proibiva come il tabacco, l’acquavite e i liquori. Sotto il dominio francese nel 1809 diventò una fabbrica di sigarette, dove andarono a lavorare le donne che già producevano tabacco clandestinamente a Lavapiés, il quartiere dove sorge l’edificio. Divenne negli anni il maggior centro spagnolo di produzione di tabacco con più di 4 mila operaie, le cosiddette “Cigarreras” (Da cigarro che vuol dire sigaro/sigaretta) .

Muri della Tabacalera
Esterno della Tabacalera

Nel 2000 chiuse i battenti ma da pochi anni è un centro sociale autogestito che mette a disposizione degli abitanti del quartiere e di tutta Madrid, attività educative e culturali. Un luogo dove presente e passato convivono, portando alla memoria antichi mestieri come quello delle “Cigarreras” appunto, ma principalmente la Tabacalera si pone come obiettivo l’organizzazione di eventi educativi e ricreativi.

Le pareti esterne sono dipinte da murales che si rinnovano ogni volta. Dipinti di denuncia e ricordo come quello che ritrae uomini e donne senza testa all’epoca del regime di Franco con la scritta sotto che recita “Contro l’impunità dei crimini franchisti”. Oppure un altro con la scritta “OXI”: il “NO” che i greci nell’estate del 2015 hanno votato al referendum per esprimere la volontà di ogni uomo e donna di essere indipendenti e autonomi.

Le attività della Tabacalera

Mostra della Tabacalera
Una delle mostre itineranti

All’interno dell’edificio vengono organizzati laboratori di radio, fotografia, critica cinematografica, cinema e danze di ogni parte del mondo e attività per bambini. C’è anche uno spazio di assistenza psicologica, organizzato da un collettivo di psicoterapeuti professionisti. Ogni persona può proporre la propria attività all’assemblea che presiede lo spazio della Tabacalera. Inoltre ci sono le stanze museali che ospitano mostre itineranti di artisti eclettici e poco conosciuti. Al piano terra (principalmente di domenica) vengono allestite botteghe di artigiani con ogni tipo di prodotti fatti a mano: dai souvenir costruiti con pezzi di vinili o vecchie musicassette ai braccialetti con sopra scritte di invito a “vivere al massimo” come “El mejor día es hoy” (Il giorno migliore è oggi). Tra le botteghe potrete gustare prodotti tipici e assaporare una caña (birra) con i vostri amici. Il tutto a prezzi contenuti.

La Tabacalera è un posto aperto a ogni persona. Nel decalogo dell’assemblea c’è scritto chiaramente che è uno spazio pubblico e libero in lotta con qualsiasi tipo di discriminazione.

La Tabacalera si trova in Calle Embajadores 53, facilmente raggiungibile con la Metro, fermata Embajadores.

Potrebbero interessarti anche...